corriere store IT
corriere store IT

L'elegia della bicicletta in un racconto di Fabio Genovesi. Si “dimette” per amore il prete più giovane d'Italia. La verità sui pipistrelli-untori

Email sent: Jul 30, 2020 6:09am

Elegia della bicicletta in un racconto di Fabio Genovesi. Si “dimette” per amore il prete più giovane d'Italia. La verità sui pipistrelli-untori

Se non visualizzi la newsletter, clicca qui per la versione web
testata
Sul nuovo “7”. In copertina un racconto dello scrittore
Il ritorno della bicicletta e il racconto di Fabio Genovesi: per i Signori si usava solo in vacanza
di Luca Zanini
editorialista
image
«A dieci anni scoprii che non tutti avevano una bicicletta... i Signori, cioè i turisti, la affittavano per l'estate», scrive Fabio Genovesi nel racconto che conquista la copertina del nuovo numero di 7, in edicola venerdì 31 luglio. E sentenzia: «Per me era assurdo, come noleggiare le mutande di un altro, come prendere in affitto un amico». Parliamo di due ruote ecologiche, sul magazine del Corriere, perché siamo di fronte ad un vero e proprio boom. E non solo grazie agli incentivi all'acquisto post Covid. Nel ritorno degli italiani alla pedalata pesa anche un cambio di stile di vita: la bici garantisce il distanziamento e regala libertà. Eppoi «mentre salva il pianeta, ci aiuta a dimagrire», sottolinea Genovesi. «Oggi tutti la spingono, la consigliano e la incentivano… E dire che un tempo era vietata ai preti e sconsigliata alle donne». I dati di vendita danno una chiara fotografia di quanto sta accadendo nel nostro Paese - scrive Andrea Federica De Cesco in un altro servizio su 7 -: secondo Confindustria Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) dalla riapertura dei negozi fino a inizio giugno gli acquisti di bici - tradizionali e a pedalata assistita - sono aumentati del 60% rispetto allo stesso periodo del 2019. Il fenomeno è confermato dai numeri che Decathlon Italia ha raccolto per 7, riferiti al periodo compreso dal 18 maggio a fine giugno: le vendite di biciclette hanno fatto segnare un +40%, quelle di monopattini un +70%...». Ne parla anche Stefano Rodi, nel suo prontuario in 5 punti per scegliere la bici giusta e decidere quale itinerario è migliore in base alle nostre capacità: tra le regole più importanti la scelta della sella (le più comode non sono le migliori), ma anche del cambio.
Celibato e crisi delle vocazioni
Spretato per sposarsi: la storia del sacerdote innamorato che non vorrebbe lasciare la Chiesa
di Francesca Del Boca
editorialista
image
Tra lo storico quartiere Brera, il cuore della vecchia Milano, e i grattacieli della futuristica Porta Nuova lo conoscono tutti. Almeno, tutti i cattolici praticanti che frequentano le chiese del quadrilatero. Sì perché Emmanuel Santoro, che prese i voti a 24 anni grazie ad una speciale deroga, era a capo di 4 grandi parrocchie: San Marco, San Bartolomeo, Santa Maria Incoronata, San Simpliciano. Ed è ancora amatissimo, anche se, a 29 anni, ha deciso di “dimettersi”: «Mi sono innamorato di una donna - spiega - e ho lasciato il ministero da sacerdote». Lei, la fidanzata, è una giovane parrocchiana: «Ormai ha preso per sempre posto dentro di me. Ci troviamo in tutto, dalla musica alla fede». L'ex sacerdote avrebbe voluto restare: «Fare il prete è sempre stata la mia vocazione, se potessi continuare da sposato lo farei. E lo farei accanto a lei». Il superamento del celibato ecclesiastico? «Sarà un lungo cammino che la Chiesa dovrà affrontare con profondità, senza polemiche e strumentalizzazioni. E quando l'avrà finalmente compiuto, io ci sarò». Altri preti raccontano il loro punto di vista sulla solitudine del sacerdozio e il sacrificio imposto con il divieto di sposarsi: il celibato potrebbe essere una scelta, non un obbligo, dicono alcuni. Mentre si moltiplicano - anche a causa della crisi di vocazioni che lascia troppi vuoti nelle strutture della Chiesa - le figure di laici che amministrano sacramenti: cresce il numero dei diaconi permanenti (+14% dal 2010 al 2016), uomini spesso sposati e allo stesso tempo ministri ordinati da un vescovo.
Scienza e criminologia
Tra vampiri e pipistrelli: la verità sui chirotteri-untori e un serial killer di fine '800
di Anna Meldolesi
editorialista
image
«Colpevoli o innocenti?» ci chiede il titolo del servizio su 7 dedicato ai pipistrelli. Ma potrebbe essere anche il titolo di un giornale di fine '800 su un sanguinario killer italiano, all'epoca soprannominato il Vampiro. Due storie che si intrecciano sulle pagine del magazine, per cercare: da una parte di far luce sulle verità scientifiche relative al ruolo giocato dai mammiferi dell'ordine dei chirotteri nella diffusione della pandemia da Covid-19 e di altre precedenti infezioni; dall'altra di trovare una ragione (che forse non c'è) alla ferocia con cui un uomo straziava le sue vittime - tutte giovani donne - per berne il sangue. Un caso studiato dal grande criminologo Cesare Lombroso. Se siete interessati alla verità sui pipistrelli, Anna Meldolesi ci porta passo passo lungo il sentiero che, da una grotta sperduta sulle montagne dello Yunnan, raggiunge i mercati di animali vivi dell'ormai arcinota Wuhan. E ci spiega che cosa sono le zoonosi, malattie infettive che possono essere trasmesse dagli animali all'uomo. I pipistrelli sono detti «specie serbatoio» perché offrono ai virus grandi opportunità di circolazione. I problemi nascono quando gli uomini invadono il loro habitat: «allora può accadere che i germi - innocui per questi animali ma non per noi - lascino il loro ospite abituale e saltino in una specie nuova». I pipistrelli, scrive Meldolesi, fecero partire, infettando un bambino, l'epidemia di Ebola che devastò l'Africa Occidentale nel 2014-2016. Dalla scienza dei virologi a quella dei criminologi, Massimiliano Jattoni Dall'Asén ripercorre su 7 la vicenda del serial killer di Bergamo: Vincenzo Verzeni, 22 anni, un ragazzo con tare mentali. Arrestato nel 1873, confessò a Lombroso: «I graffi e i solchi incisi sulle cosce delle vittime li ho fatti coi denti per poterne bere il sangue».
L'intervista a Valeria Bruni Tedeschi
«Vorrei convincere madame Sarkozy a recitare con me... Solo Woody Allen ci è riuscito»
di Gian Luca Bauzano
editorialista
image
L'unica volta che sono comparse assieme in una sorta di improvvisato cameo “cinematografico” è stata durante la diretta della consegna dei David di Donatello (da poco lei ha vinto anche il Globo d'Oro per l'interpretazione di Giulia, nel film «Aspromonte»), in streaming, l'aprile scorso. Ma sono anni che Valeria Bruni Tedeschi cerca di convincere la sorella Carla, madame Sarkozy , ex première dame di Francia, a recitare sul grande schermo per e con lei. Lo racconta in una intervista rilasciata a Gian Luca Bauzano per 7. Schiva e riservata, l'attrice e regista parla dalla casa nel Sud della Francia dove ha trascorso l'isolamento con Carla e i propri figli: Oumy, 12 anni, adottata con l'attore Louis Garrell durante la loro relazione di sette anni finita nel 2012, e Noé, 6 anni. E dove ha scritto una nuova sceneggiatura: che parla di natura, antieroi ed eroine negative. Con Carla, invece, Valeria vorrebbe fare un fashion-film: ritrarla su un set dedicato alla moda sarebbe forse l'unica strada per convincerla, perché «la realtà è che a Carla non piace fare l'attrice; forse, però, con un progetto particolare vicino anche ai suoi trascorsi di modella...».
Ricevi questa newsletter perchè hai prestato il consenso a RCS MediaGroup S.p.A. sul sito www.corriere.it
Puoi disiscriverti in qualsiasi momento cliccando qui oppure gestire le tue iscrizioni accedendo al tuo profilo.
Ritieni interessante questa newsletter? Non perderti gli altri appuntamenti con l'informazione di Corriere della Sera. Scopri tutte le newsletter ed iscriviti per un periodo di prova gratuita.

Other emails from corriere store IT

corriere store IT
Sep 24, 2020
Favino, i padri rigorosi e gli Anni di Piombo. Tragedia Rohingya. Bologna malata di droga
corriere store IT
Sep 18, 2020
Palermo: arte e storia. Parti con noi: prenota ora il tuo viaggio
corriere store IT
Sep 17, 2020
Scurati, Mussolini malato e i moderni populisti. Il bello (ancora c'è) della politica. I pericoli dell'App che simula un amico virtuale
corriere store IT
Sep 15, 2020
Appuntamento domani in edicola con il numero speciale di Cook
corriere store IT
Sep 14, 2020
Speciale cucine: il nuovo quaderno di tendenze in edicola domani
corriere store IT
Sep 10, 2020
Virginia Raffaele, la corsa al voto americano, il ritorno all'università e le immagini di guerra al femminile